Data

Il mostro che diventa amico
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Sarò forse un po’ lungo ma forse ne varrà la pena di leggerlo tutto. Storia vera, reale, di oggi.

Paziente con crohn visto un paio di mesi fa, continue evacuazioni di natura diarroica. Vita passata sopra il c…o. Cambio drastico in senso ancestrale, proteina c reattiva in calo, ferritina nella norma, calprotectina in netto ribasso ma quello che più conta è la qualità della vita ritrovata, nessuna evacuazione in due mesi se non un episodio. Guarito? No.

Sulla strada buona, direi di sì. La malattia tornerà a farsi sentire ma probabilmente se continuerà su questa strada non sarà più colpa del cibo. Cerco di far passare il messaggio che quando si combatte con “un mostro” il mostro può diventare il nostro miglior alleato, tornerà a farsi sentire quando qualcosa, al quale noi non diamo importanza, ci mette pressione, lo stress, i problemi di tutti i giorni, la routine che non siamo in grado di gestire. Quando ciò accade il mostro ci avverte prima che sia troppo tardi che dobbiamo fermarci, riflettere, prendere tempo. Il mostro diventa nostro alleato. Leggendo il mio libro il paziente ha scoperto le gabbie, mentali e fisiche, ha capito che potrebbero essere state la causa della sua malattia, oggi lavora per rimuovere quelle cause. Se riuscirà nel suo intento forse, e dico forse, a quel punto potrà dirsi guarito…

La ricerca della felicità é la soluzione a molti malesseri, ma serve mettersi in gioco, rischiare, non aver paura. Averne consapevolezza é il primo, fondamentalmente passo. In bocca al lupo…

Altri
articoli